“Cibo-Alimentazione: Produzione agroalimentare, come leggere un’etichetta, il mondo delle contraffazioni e conseguenze sulla salute” tenuta dai relatori

Dott. Andrea Ferrari Tecnico Coldiretti

Dott. Gussago Lorenzo responsabile sicurezza sulla qualità agroalimentare

Dott. Giorgio Moreni medico di base contraffazione conseguenze sulla salute

 

Mercoledi 6 dicembre  le classi dell’Istituto statale Superiore “ Bonsignori”  indirizzo Agrario ed Informatico, hanno partecipato all’’Assemblea di Istituto promossa dai rappresentanti d’Istituto in collaborazione con l’Associazione Coldiretti di Brescia e Mantova per confrontarsi su temi importanti relativamente al mondo dell’alimentazione e  della contraffazione alimentare e le relative conseguenze sulla salute. 

 

 I relatori ci hanno illuminato su questi granti tematiche partendo da un grave problema che non riguarda soltanto il nostro Paese, ma coinvolge l’intero mercato alimentare  mondiale, la  frode alimentare e  quali sono le frodi più comuni, sono la vendita di un prodotto alimentare che non rispetta ciò che è dichiarato sull’ etichetta, queste truffe spaziano dall’agricoltura, alla ristorazione fino a colpire la maggior parte delle attività commerciali.
La vera e propria truffa più grave e comune è la frode Sanitaria che  riguarda anche i piatti che portate in tavola.

Adulterazione: Quando un alimento scadente è posto come alimento pregiato. Latte scremato venduto come latte intero.

Sofisticazione: quando si cerca di cerca di far apparire un alimento scadente migliore di quello che è un valido esempio, è l’annacquamento del vino o di farine tenere nella pasta secca, olio d’oliva con aggiunta di olio di semi.

Contraffazione:  cioè la vendita di un cibo per un altro, ingannando il consumatore,ad esempio la reidratazione del latte in polvere venduto come latte scremato.

Alterazione: avviene quando un alimento va a male perdendo le sue qualità organolettiche e di sicurezza alimentare.

Le frodi alimentari più nocive per la nostra salute sono la Contraffazione e  l’Adulterazione, punite anche a livello penale a tutti i livelli della catena. Infatti, anche l’esercente che ha venduto o somministrato il prodotto è ritenuto responsabile fino a prova contraria. Quali sono le cause delle frodi alimentari? Come visto le frodi, possono provocare oltre al danno economico, anche pericolo diretto per la nostra salute. Le cause sono sempre a carico dell’uomo. Si va dalla negligenza in ambito produttivo con il mancato rispetto delle norme igieniche sanitarie, l’ignoranza di molti che utilizzano prodotti senza conoscere le reali conseguenze sulla nostra salute.

In ultimo la causa principe è sicuramente l’avidità dei produttori, poco importa se lo fanno per mantenere competitiva l’azienda o solo per ingrassare il proprio portafoglio. Alternare un prodotto utilizzando elementi meno costosi reca indiscutibilmente maggiore profitto.
L’alimento alterato non è più adatto al consumo, venderlo è reato, vendere un alimento la quale scadenza è sorpassata, è reato, le pene sono molto gravi perché oltre ad arrecare danno al consumatore mettendo a rischio la sua vita si causa anche la diminuzione della vendita di quel prodotto per cattiva pubblicità.

Le categorie di cibi a rischio di frode sono incalcolabili, le poche in cui hanno riscontrato palesi violazioni sono le seguenti: Formaggi Latte Miele Pasta Prodotti ittici  Riso Uova Vini…sfortunatamente i danni  alla nostra salute di maggior entità avvengono alla luce del sole e pure legalizzati.
L’indiscriminato uso di additivi e conservati coloranti e ogni genere di sostanza chimica all’interno dei nostri alimenti, anche di quelle di cui è stato accertato il danno a carico della nostra salute, trovano le stesse motivazioni di guadagno indiscriminato sulla nostra pelle.

La frode in etichetta:

 In teoria, gli additivi e gli altri ingredienti per legge devono essere indicati in etichetta ma in pratica sotto una certa percentuale variabile a seconda della categoria merceologica, non è obbiligatorio indicare gli ingredienti. Un esempio: dal 2009 chi si rivolge all’ alimento  biologico non ha il diritto di sapere che quasi l’ 1% del suo cibo può essere compostao da cibo OGM e ci riferiamo a prodotti comprati perchè più naturale e sani e quindi con restrizioni minori.
Per non parlare dei cibi spazzatura , dei grassi di palma dei dolcificanti chimici, margarine varie, cloro nell’acqua potabile tutte queste sostanze danneggiano la nostra salute, eppure la loro diffusione aumenta in modo preoccupante.

Si sente parlare di “ obesità di fine mese “ causata dal consumo eccessivo di cibo ricco di calorie vuote e nutrizionalmente inutile. Ma si può risparmiare mangiando cibi sani e nutrienti. C’è un solo modo per proteggerci,  la conoscenza.